Psst...

Do you want to get language learning tips and resources every week or two? Join our mailing list to receive new ways to improve your language learning in your inbox!

Join the list

Italian Audio Request

ericspinelli
252 Words / 2 Recordings / 3 Comments
Note to recorder:

La distanza della Luna da Le cosmicomiche da Italo Calvino

Una volta, secondo Sir George H. Darwin, la Luna era molto vicina alla Terra. Furono le maree che a poco a poco la spinsero lontano: le maree che lei Luna provoca nelle acque terrestri e in cui la Terra perde lentamente energia.

Lo so bene! - esclamò il vecchio Qfwfq, - voi non ve ne potete ricordare ma io sì. L’avevamo sempre addosso, la Luna, smisurata: quand’era il plenilunio - notti chiare come di giorno, ma d’una luce color burro -, pareva che ci schiacciasse; quand’era lunanuova rotolava per il cielo come un nero ombrello portato dal vento; e a lunacrescente veniva avanti a corna così basse che pareva lìlì per infilzare la cresta d’un promontorio e erestarci ancorata. Ma tutto il meccanismo delle fasi andava diversamente che oggigiorno: per via che le distanze dal Sole erano diverse, e le orbite, e l’inclinazione non ricordo di che cosa; esclissi poi, con Terra e Luna così appiccicate, ce n’erano tutti i momenti: figuriamoci se quelle due destione non trovavano modo di farsi continuamente ombra a vicenda.

L’orbita? ellittica, si capisce, ellittica: un po' ci s’appiattiva addosso e un po' prendeva il volo. Le maree, quando la Luna si faceva più nessuno. C’erano delle notti di plenilunio basso basso e d’altamarea alta alta che se la Luna non si bagnava in mare ci mancava un pelo; diciamo: pochi metri. Se non abbiamo mai provato a salirci? E come no? Bastava andarci proprio sotto con la barca, appoggiarci una scala a pioli e montar su.

Recordings

  • La distanza della Luna 1 ( recorded by 2fancazzisti ), Brianza (Lombardia)

    Download Unlock
  • La distanza della Luna 1 ( recorded by V_Oak ), Tuscanian

    Download Unlock
    Corrected Text
    more↓

    Una volta, secondo Sir George H. Darwin, la Luna era molto vicina alla Terra. Furono le maree che a poco a poco la spinsero lontano: le maree che lei Luna provoca nelle acque terrestri e in cui la Terra perde lentamente energia.

    Lo so bene! - esclamò il vecchio Qfwfq, - voi non ve ne potete ricordare ma io sì. L’avevamo sempre addosso, la Luna, smisurata: quand’era il plenilunio - notti chiare come di giorno, ma d’una luce color burro -, pareva che ci schiacciasse; quand’era luna nuova rotolava per il cielo come un nero ombrello portato dal vento; e a luna crescente veniva avanti a corna così basse che pareva lì lì per infilzare la cresta d’un promontorio e restarci ancorata. Ma tutto il meccanismo delle fasi andava diversamente che oggigiorno: per via che le distanze dal Sole erano diverse, e le orbite, e l’inclinazione non ricordo di che cosa; eclissi poi, con Terra e Luna così appiccicate, ce n’erano tutti i momenti: figuriamoci se quelle due testone non trovavano modo di farsi continuamente ombra a vicenda.

    L’orbita? ellittica, si capisce, ellittica: un po' ci s’appiattiva addosso e un po' prendeva il volo. Le maree, quando la Luna si faceva più nessuno. C’erano delle notti di plenilunio basso basso e d’alta marea alta alta che se la Luna non si bagnava in mare ci mancava un pelo; diciamo: pochi metri. Se non abbiamo mai provato a salirci? E come no? Bastava andarci proprio sotto con la barca, appoggiarci una scala a pioli e montar su.

Comments

2fancazzisti
June 29, 2010

Se posso ti faccio notare alcune frasi che forse hai copiato male:
-le maree che lei Luna
-Le maree, quando la Luna si faceva più nessuno.

se vuoi che registro di nuovo basta che me lo dici. ciaooo

ericspinelli
June 29, 2010

Grazie mille!

Il secondo è il mio errore, ma "le maree che lei Luna" è scritto nel libro. Non lo so.

ericspinelli
June 29, 2010

Le maree, quando la Luna si faceva più sotto, salivano che non teneva più nessuno.

Overview

You can use our built-in RhinoRecorder to record from within your browser, or you may also use the form to upload an audio file for this Audio Request.

Don't have audio recording software? We recommend Audacity. It's free and easy to use.

Sponsored Links